LA MUSICA LINGUAGGIO UNIVERSALE

Olio su tela di Elena GiannuzzoLa medicina è sempre in continua evoluzione. Se Gustav Klimt affermò che “ogni tempo ha la sua arte”, non possiamo che aggiungere che a ogni tempo corrisponde una propria medicina.

Questo è dunque il tempo di riscoprire l’ “Arte Medica”, non soltanto nei suoi fondamenti istitutivi fin dall’antichità, ma perché l’arte traccia oggi la strada della medicina del futuro.

Preceduti e accompagnati dalle ricerche più innovative, portate avanti nel mondo con l’ausilio di potenti microscopi che oltre alle immagini subcellulari, infinitamente piccole, captano anche i suoni, siamo giunti a comprendere che nelle cellule del vivente tutte le istruzioni vengono trasmesse per via sonora.

Cioè, al loro interno le cellule “cantano” tutto il tempo. E per mantenersi sane, che è la loro condizione naturale, devono per quanto possibile restare immerse in un ambiente armonico.

Riscopriamo così il suono delle sfere universali di Pitagora? Forse.

Ciò che possiamo con certezza intuire è che non per caso l’arte accompagna da sempre la storia dell’Uomo: proprio per mantenerlo in un rapporto di armonia con tutte le strutture, all’interno e all’esterno del suo corpo.

Durante le prime due edizioni del convegno “LA MUSICA LINGUAGGIO UNIVERSALE” medici, ricercatori internazionali e musicisti ci hanno accompagnato in un cammino sonoro che delinea il futuro della cura già adesso presente fra noi.

Prima edizione: Torino, 30 settembre 2016, con il dott. Nader Butto, il Sandalphon Quartet, Manuela Ravaglioli e la partecipazione straordinaria del prof. Carlo Ventura. Vedi   locandina  e  video

Seconda edizione: Torino, 5 maggio 2017, con il dott. Nader Butto, Emiliano Toso, Sandalphon Quartet  e Manuela Ravaglioli.     Vedi   locandina   e  video

 

By | 2018-02-11T18:45:56+00:00 febbraio 10th, 2018|Articoli in evidenza|0 Commenti

Scrivi un commento