Area riservata
 
 

Il decreto Lorenzin che con l'obbligatorietà di ben 12 vaccinazioni, "mette le mani addosso" ai bambini fin dalla più tenera età sta suscitando una reazione di sdegno ed esecrazione fra i genitori che non ha eguali negli ultimi anni. E' anche vero che non si vedeva una tale tracotanza impositiva da periodi storici che speravamo finiti per sempre.
A fronte di un immaginario rischio epidemie, smentito dati alla mano da molti epidemiologi degni di fede, si è preferito legiferare d'urgenza, spezzando il delicato rapporto di alleanza coi cittadini, e travolgendo ogni parvenza di partecipazione, ascolto e consenso, sovvertendo con cio' i capisaldi sostanziali dei processi di umanizzazione che abbiamo propugnato e sostenuto con ogni mezzo.

Una corporazione medica, dal canto suo arcigna, autoritaria e dogmatica,  ha espulso violentemente tre medici anziani, aureolati di rispettabile canizie e di altrettanta esperienza professionale, ricorrendo alla misura estrema della radiazione per un reato di opinione, per di più sul tema caldissimo della salvaguardia del principio di precauzione di fronte a
un ragionevole dubbio.
E in materia di eventi avversi e di sequele post vaccinali, i dubbi sono tanti e plausibili.

Siamo arretrati di colpo a una età secentista, fatta di "grida" invise alla
popolazione e di misure coercitive, volente e spropositate, con i relativi eretici esposti al pubblico ludibrio.
Purtroppo, chi sta perpetrando quest'azione -si suppone con cognizione di causa e per motivi non inconfessabili, come invece da più parti si dice- non si è reso conto che questo mette a repentaglio in modo forse irreversibile la residua credibilità  della professione medica e delle istituzioni sanitarie.
Difficilmente si ricomporrà la frattura che si è prodotta fra il Governo, accompagnato dai massimi esperti e dai vertici della professione  medica, e la parte di popolazione più evoluta e matura, non a caso  emblematicamente rappresentata dalle grandi regioni del Nord Italia.

Un'epoca di patti leali e di mutuo riconoscimento, che aveva dato spazio alla partecipazione non formale del cittadino-paziente
finisce con brutalità nella mobilitazione spontanea che cresce nelle piazze e che non pare disposta a cedere e ad arretrare.
Ma, con non meno sconcerto e profonda costernazione, dobbiamo assistere al tradimento perpetrato da questo decreto nei confronti della popolazione più povera e inerme.
Decretando l'allocazione di ingenti risorse in un settore di fatto inutile,
si sottrae cio' che servirebbe alle vere emergenze attuali nel Paese:
primo, contrastare la povertà assoluta in cui si trovano milioni di bambini in italia e che li candida di per se' a un'aspettativa di vita  drammaticamente ridotta,
secondo, procedere  alle  bonifiche ambientali di territori devastati dall'inquinamento,  che determina in questo momento il triste primato italiano nei tumori infantili.

L'umanizzazione non è una parola vuota ne' un elemento voluttuario di cui si dispone in tempi di vacche grasse:  al contrario essa è indizio di un alto livello di civile partecipazione e di democrazia diretta.
Per noi continua ad essere un impegno prioritario e una conquista quotidiana, dovunque essa si esprima e si  manifesti.
Può darsi che la responsabilità individuale e l'autodeterminazione nei processi di salute sia oggi così cresciuta che sopperirà senza troppe conseguenze anche al prossimo tracollo, simbolico e reale, delle strutture sanitarie.

---

 

Pubblichiamo in evidenza l'APPELLO del 2013 per il rischio di scomparsa dei medicinali "alternativi".

Ciò che nel 2013 era solo un rischio, sta adesso per diventare realtà: dal 31.12.2018  di oltre 20.000 specialità sul mercato italiano ne resteranno in commercio solo poche centinaia.

Questo significa privare dei loro rimedi tutti quei cittadini che si curano con le medicine alternative. Altro che libertà di cura!!  

E intanto Francia e Germania hanno pensato bene di non applicare  in modo restrittivo la direttiva UE e resteranno i Paesi  in cui potremo approvvigionarci di farmaci che qui scompariranno.


Rilanciamo l'appello del 2013 per organizzare un'azione forte e coordinata fra tutti i soggetti che si curano con medicinali alternativi e tutti i i medici che li prescrivono. 

Potete firmare la petizione su change.org: Ministro della Salute: GARANTIRE LA LIBERTÀ DI CURA PER TUTTI: NO AL "PENSIERO UNICO" IN MEDICINA

 

FOCUS ON: VACCINAZIONI OBBLIGATORIE

Invito alla lettura: Obbligo vaccini. Rete Sostenibilità e Salute: “L’adesione non si ottiene con la coercizione, ma con informazioni credibili e adeguate” pubblicato su quotidianosanita.it

Invitiamo i lettori a scoprire l'opinione del collega dott. Ivan Cavicchi. Un editoriale da leggere con molta attenzione: "Troppa euforia sul decreto vaccini".

Chi desiderasse conoscere lo studio del Prof. Paolo Bellavite (Professore Associato di Patologia Generale, Università degli studi di Verona): "Scienza e vaccinazioni: aspetti critici e problemi aperti" può avere maggiori informazioni cliccando qui.

Invitiamo i visitatori a leggere "Vaccini obbligatori, Big Pharma e libertà di scelta" di Annalisa Jannone per il portale Italia che cambia

Invitiamo i visitatori a leggere "Non è un problema di “no vax”. Vaccinazioni sacrosante ma questo decreto non è lo strumento giusto" su quotidianosanita.it

Invitiamo i visitatori a leggere "DECRETO LEGGE 73/2017 RELATIVO ALL’OBBLIGO VACCINALE. CONSIGLI DEL TEAM LEGALE ASSIS" su assis.it - associazione di studi e informazione sulla salute.

Eventi in vetrina Tutti gli eventi

Milano, Associazione REF, via Morimondo 5
dal 9 gennaio 2017 a dicembre 2017
COMPETENZE IN COUNSELING EDUCATIVO-SCOLASTICO
Il Corso si rivolge a persone interessate ad acquisire competenze di counseling e a sviluppare nuove abilità finalizzate alla promozione della salute e all’acquisizione di strategie relazionali per la piena valorizzazione delle risorse e del potenziale umano. In particolare è rivolto a professionisti dell’area socio-educazionale (insegnanti, genitori, educatori, assistenti sociali, counselor, mediatori familiari, operatori delle comunità e associazioni di volontariato, ma anche a giornalisti, personale aziendale etc.).
Locandina
Associazione REF, Milano, via Morimondo 5
dal 9 gennaio a dicembre 2017
COMPETENZE IN COUNSELING SOCIO-SANITARIO E DELLA SALUTE
Il Corso si rivolge a persone interessate ad acquisire competenze di counseling e a sviluppare nuove abilità finalizzate alla promozione della salute e all’acquisizione di strategie relazionali per la piena valorizzazione delle risorse e del potenziale umano. In particolare è rivolto a professionisti dell’area socio-sanitaria (medici, infermieri, fisioterapisti, psicologi, farmacisti, volontari, OSS, ASA, altri) e dell’area socio-educazionale (insegnanti, educatori, assistenti sociali, counselor, mediatori familiari, operatori delle comunità e associazioni di volontariato, ma anche a giornalisti, personale aziendale etc.).
Locandina
Associazione REF, Milano, via Morimondo 5
dal 9 gennaio a dicembre 2017
CORSO DI COUNSELING INTEGRATO CON TECNICHE CORPO-MENTE-ENERGIA.
Percorso triennale di "Counseling Integrato con Tecniche Corpo-Mente-Energia (CoMeTE)", ad indirizzo socio-sanitario ed educazionale, riconosciuto da AssoCounseling.
E' consentita l'iscrizione in qualunque periodo dell'anno, compatibilmente con i posti disponibili.
Alla fine del triennio viene rilasciato il diploma di Counseling Integrato CoMeTE, che consente di accedere all'elenco dei Counselor AssoCounseling
Locandina
Sede Associazione Tonglen, Via Massena 82, Torino
Domenica 7 maggio 2017 ore 9.30 – 18.00
L' INCARNAZIONE DELLA COSCIENZA 
Tecnica Metamorfica - Arte della Trasformazione delle memorie prenatali
A cura di Anna Maria Alfano 

Scopri di più sul sito Tonglen
Milano, Associazione REF, via Morimondo 5
dal 25 novembre 2017 al 31 dicembre 2018
Corso di Alta Formazione in Competenze Relazionali e di Comunicazione per i Professionisti della Salute
Il Corso si rivolge agli operatori del comparto socio-sanitario ed educativo-scolastico (medici, infermieri, fisioterapisti, psicologi, ostetriche, osteopati, assistenti sociali, OSS, ASA, assistenti famigliari, operatori di comunità, pedagogisti, educatori, insegnanti, insegnanti di sostegno, altri), con l’obiettivo di migliorarne le competenze relazionali, implementando le capacità di ascolto empatico, di consapevolezza e di contatto autentico con sé e con l’altro, e di fornire strumenti volti alla prevenzione del burnout e dello stress e favorire così una migliore qualità della vita.
Scopri di più sul sito Associazione REF
Locandina
Tesi di laurea del dott. Enrico Buonfino
“CO.RE. del processo di umanizzazione in sanità: COmunicazione efficace e RElazione ispirata”
tutte le notizie

Se desideri un continuo aggiornamento circa le nostre iniziative, iscriviti adesso!

Rete Euromediterranea per l'umanizzazione della medicina
Via Solairano, 5/3 - 10025 Pino Torinese (TO) -
Codice fiscale: 90026060013